Musica Classica
21 Settembre ore 21Teatro Pergolesi Jesi (AN)0731.206888www.festival.fondazionepergolesispontini.com

Descrizione

Giovedì 21 settembre ore 21 al Teatro Pergolesi di Jesi c’è “88 tasti di passione. Chopin. Un racconto al pianoforte”. Una nuova produzione di concerto narrativo dedicata interamente alla figura di Fryderyk Chopin ideato da Cristian Carrara e Stefano Valanzuolo con la partecipazione di Alexandra Pavlova straordinaria pianista, finalista al Sydney Piano Competition. Non un concerto, non una lezione concerto, bensì una narrazione in musica in cui Chopin racconta sé stesso e la sua musica. Un modo nuovo di coniugare musica, analisi musicale, storia, e che vede in scena - come narratore - Cristian Carrara, compositore e direttore artistico della Fondazione Pergolesi spontini.
Al centro del racconto è la tormentata storia d’amore tra Fryderyk Chopin con George Sand, durata più di otto anni – dal 1838 al 1847. Il loro primo importante incontro avvenne a Parigi nell’autunno 1838, in uno dei tanti salotti dove il musicista si esibiva al pianoforte. Chopin, nato in Polonia nel 1810 aveva ventotto anni, e con il suo straordinario talento di musicista, aveva conquistato un pubblico di artisti e intellettuali nella Parigi colta. Lei, George Sand (il suo vero nome era Aurore Dupin) aveva trentaquattro anni, era una scrittrice nota e un personaggio anticonformista. Aveva scelto un soprannome maschile, indossava spesso i pantaloni ed era una donna libera, decisa a guadagnarsi da vivere con la scrittura. 
A proposito del loro incontro Chopin scrisse ad un amico il 10 ottobre 1838: «Lei era appoggiata al pianoforte, e il suo sguardo ardente come brace era su di me. La mia anima aveva trovato un porto. Mi prese una sorta di languore, nondimeno mi ritirai dal pianoforte con soggezione. L’ho rivista in seguito altre volte nel suo salotto, con persone dell’aristocrazia francese. Poi un’altra volta che si trovava sola. Mi ama, Aurora è un nome magico. La notte è sparita».
 
Per Gaspare Spontini, in vista delle celebrazioni del 2024 per i 250 anni dalla nascita (che sarà occasione per la Fondazione di allestire una nuova produzione di Vestale in coproduzione con importanti teatri di tradizione italiani), il Festival 2023 propone due giorni di “Spontini days” a Maiolati Spontini, sabato 23 e domenica 24 settembre, con la prima esecuzione in epoca moderna di alcune pagine inedite dell’opera “Alcidor” (1825), una delle opere più importanti di Spontini, mai eseguita in tempi moderni e di cui la Fondazione Pergolesi Spontini ha avviato nel 2022 la revisione musicologica. L’appuntamento è sabato alle ore 21 alla Chiesa di Santo Stefano, al pianoforte Gianluca Piombo, le voci sono quelle del tenore Younggi Moses Do nel ruolo di Alcidor, del soprano Ozce Durmaz che canta Selaide, e del soprano Maria Krylova nel ruolo di Oriana. 
Nel programma degli “Spontini Days” sono inoltre una caccia al tesoro musicale dedicata ai bambini in collaborazione con Istituto Comprensivo “C. Urbani” di Moie (indirizzo musicale) nel giorno di domenica alle ore 10, e sabato ore 17 alla Biblioteca La Fornace di Moie la presentazione del libro “Gaspare Spontini. The Berlin years” di Fabian Kolb e Alessandro Lattanzi per la casa editrice LIM Libreria Musicale Italiana nella collana “Studi e saggi”.
 
Domenica 24 settembre ore 18 al Teatro Pergolesi di Jesi teatro-danza e inclusione sono i protagonisti dello spettacolo di Social Opera ispirato all’opera “Barbiere di Siviglia” di Rossini. Protagonisti sono gli attori disabili del progetto “OperaH”, e dietro le quinte, gli studenti del Liceo Artistico “E. Mannucci”, dell’IIS Marconi-Pieralisi e del Liceo Classico “Vittorio Emanuele II” di Jesi che, grazie al progetto P.C.T.O. “Banco di scena”, hanno progettato e realizzato scene, costumi e luci dello spettacolo o si sono sperimentati nel ruolo di social media reporter. La regia è di Simone Guerro e Arianna Baldini, danza movimento terapia sono a cura di Sara Lippi, assistente Beatrice Guerri.
Il progetto “OperaH” è realizzato con il contributo di A.S.P. – Ambito 9 – Comune di Jesi e in collaborazione con UMEA Unità Multidisciplinare Età Adulta – JESI, COOSS Marche, Teatro Giovani-Teatro Pirata, Nuovo Spazio Studio Danza. Nel 2022, “OperaH” ha vinto il “Premio nazionale Inclusione3.0” ed è stato segnalato dall’Università di Macerata come “caso studio”.

Luogo

JESI

Cosa Sapere

JESI

Cosa Vedere

JESI
Preferenze Cookie
Le tue preferenze relative al consenso
Qui puoi esprimere le tue preferenze di consenso alle tecnologie di tracciamento che adottiamo per offrire le funzionalità e attività sotto descritte. Per ottenere ulteriori informazioni, fai riferimento alla Cookie Policy.Puoi rivedere e modificare le tue scelte in qualsiasi momento.
Analytics
Questi cookie ci permettono di contare le visite e fonti di traffico in modo da poter misurare e migliorare le prestazioni del nostro sito. Ci aiutano a sapere quali sono le pagine più e meno popolari e vedere come i visitatori si muovono intorno al sito. Tutte le informazioni raccolte dai cookie sono aggregate e quindi anonime.
Google Analytics
Accetta
Declina
Accetta tutti
Rifiuta tutti
Salva la corrente selezione