Ancona, AN, Italia
Musica Classica
dal  14 Luglio
al  28 Luglio
Corte della Mole Vanvitelliana Ancona (AN)071.52525

Descrizione

Con tre straordinari concerti, diversissimi tra loro per concezione, varietà della  proposta e tipologia di artisti, che compongono la tradizionale rassegna estiva quest’anno eccezionalmente alla Corte della Mole Vanvitelliana, riprende l’attività degli Amici della Musica Guido Michelli, e mai come quest’anno, siamo felici di presentarla.



I concerti alla Corte della Mole Vanvitelliana sostituiscono quelli tradizionalmente ospitati nella terrazza del Museo Archeologico, dove non sarebbe stato possibile ospitare lo stesso numero di spettatori degli anni passati. La rassegna s’intitola così La Corte. Conversazioni in musica, e s’inserisce tra gli eventi estivi del Comune di Ancona, e si realizza nell’ambito di Amo la Mole 2020. I tre concerti si terranno rispettivamente tre martedì di seguito il 14, il 21 e il 28 luglio, alle ore 21.30.



Si parte con un evento particolare, un incontro tra musica e poesia, in collaborazione con Nie Wiem “Aspettando La Punta della Lingua poesia festival”: il 14 luglio, il poeta, traduttore, francesista, Nicola Muschitiello, voce recitante, insieme al pianista Roberto Prosseda, ci presenteranno:  Soirée Baudelaire. Un bouquet di fiori infernali e celesti, testi di Charles Baudelaire, musiche di F. Chopin, R. Wagner/F.Liszt. Il concerto di poesia e musica s’avvale dell’edizione originale del Le fleurs du mal di Baudelaire, nella traduzione di Nicola Muschitiello che è stata celebrata come “nuova, coraggiosa traduzione della prima edizione censurata” del libro, che “dà ai fiori di Baudelaire una lucentezza straordinaria, come se li rigenerasse nella lingua italiana”. Muschitiello leggerà un certo numero di poesie tra cui due delle sei “poesie condannate”, cioè espulse definitivamente dall’edizione originale del libro, perché ritenute immorali, per sentenza di un tribunale parigino.

La musica, che si alterna alla “musica” della poesia, è stata organizzata secondo un procedimento anch’esso inedito, adottando un criterio quasi “storico-filologico”. Per la scelta delle musiche si è tenuto conto delle predilezioni e conoscenze musicali di Baudelaire stesso: sappiamo quindi che la sua ammirazione più grande andava alla musica di Wagner, a cui egli dedicò un saggio, e che nutriva una viva ammirazione per Liszt; in un altro saggio, fa una sorprendente allusione alla musica di Chopin. Ecco quindi che nel programma musicale, un pianista che non ha bisogno di presentazioni come Roberto Prosseda, eseguirà brani che ormai fanno parte della cultura musicale di tutti, come i Nocturne op. 9 n. 2; op. 48, n. 1; op. 27 n. 2; op. 9 n. 1 di Fryderyk Chopin e l’Isoldens Liebestod s. 447 di Richard Wagner/Franz Liszt.



Martedì 21 luglio “Suono giovane” con due giovani strepitosi talenti, Mauro Paolo Monopoli, violoncello, Leonardo Colafelice (FOTO 2), pianoforte, impegnati  in due opere del grande repertorio cameristico - la Sonata per violoncello e pianoforte n. 4 in do maggiore, op. 102 n. 1, dell’ultimo Ludwig van Beethoven,  e la celeberrima “Arpeggione”, Sonata d 821 di Franz Schubert -, e nella deliziosa, divertente Suite italienne, di Igor Stravinskij. Un breve cenno alle carriere di questi giovanissimi musicisti, entrambi pugliesi, che dà però l’idea dei loro straordinari percorsi. Mauro Paolo Monopoli ha compiuto 20 anni il 16 giugno scorso. Si è diplomato a 17 anni presso il conservatorio “N. Piccinni” di Bari, con il massimo dei voti, la lode e la menzione speciale, mai assegnata prima ad un violoncellista nella storia del conservatorio barese. Troppi lungo il palmares dei premi ai concorsi, ma si ricorda qui, il secondo premio assoluto al prestigioso “Tournoi International de musique de Paris” a soli 14 anni, e a 17 anni si laurea al prestigioso Tchaikovsky International Competition for young musicians (il più importante concorso al mondo per giovani violoncellisti), unico musicista italiano premiato nella storia del leggendario concorso, che si impone tra oltre 400 candidati provenienti da tutto il mondo. Nel 2016 riceve dal Presidente della Camera dei Deputati la medaglia al merito della Camera dei Deputati per i propri meriti artistici in campo nazionale e internazionale.  Nel 2019 si è esibito al prestigioso festival internazionale de Solistas di Caracas in Venezuela, in rappresentanza del governo italiano, con la leggendaria Orquesta Sinfònica Simòn Bolivar. Ha frequentato masterclass e studiato con Rocco Filippini, e in quella a San Ginesio dello scorso anno, con Mario Brunello, organizzata da Amici della Musica, siamo venuti a conoscenza del tuo straordinario talento. Leonardo Colafelice è anche lui una conoscenza degli Amici della musica che lo hanno avuto in stagione nel 2017, con la Form e i concerti di Mozart. E’ risultato il vincitore del secondo premio nel prestigioso concorso “Cleveland International Piano Competition” ricevendo inoltre 3 premi speciale: premio del pubblico, migliore esecuzione di una composizione di autore russo e premio attribuito dalla giuria di giovani, è stato uno dei 6 finalisti durante la prima edizione del "China International Music Competition" a Beijng, premiato a soli diciotto anni, è stato finalista al concorso "Arthur Rubinstein International Piano Master Competition" di Tel Aviv, dove ha ottenuto ben 3 premi speciali, tra cui l’”advanced studies grant" per il più notevole pianista sotto i 22 anni. Ma possiamo chiudere con le parole della grande Maria Argerich: “sono molto emozionata di sentire un così favoloso pianista e musicista. Grazie per la tua musica!”.



Il 28 luglio, si chiude con un affascinante ultimo concerto:  "La serenissima - La scuola veneziana”, con Fabio Ceccarelli traversiere, Alessandra Montani violoncello, Fabio Ciofini clavicembalo e maestro di concerto, musicisti e fondatore (Ciofini) dell’Accademia Hermans (FOTO 1). La scuola veneziana è quella di Vivaldi, Albinoni e dei fratelli Marcello, geni indiscussi del panorama barocco, apprezzati moltissimo dal pubblico contemporaneo ed ammirati e studiati da tanti musicisti in tutta Europa. Il programma presenta di Antonio Vivaldi, Sonata rv 50 in mi minore per traversiere e basso continuo, e la Sonata rv 43 per violoncello e basso continuo, Tomaso Albinoni, Sonata op.6 n.6 in la minore per violino (traversiere) e basso continuo, Alessandro Marcello/Johann Sebastian Bach Concerto in re minore per oboe e orchestra, (trascrizione di  J.S. Bach, BWV 974); Giovanni Benedetto Platti, Sonata vi op. 3 in sol maggiore per traversiere e basso continuo, Benedetto Marcello, Sonata xii op.2 (in re magg.) L’Accademia Hermans nasce nel 2000 per volontà del suo direttore Fabio Ciofini che ha coinvolto, travolgendoli con il suo entusiasmo e il suo amore per la musica antica, giovani strumentisti e cantanti desiderosi di approfondire questo repertorio e la relativa prassi esecutiva. Da allora è iniziato un percorso che ha portato l'accademia e i suoi componenti, formatisi nelle più importanti scuole europee, ad ottenere sempre maggiori consensi nel panorama concertistico italiano ed internazionale. L'Accademia Hermans da alcuni anni svolge un’intensa attività di promozione della musica antica sul territorio umbro, organizzando corsi, registrando cd in luoghi storici (palazzi e chiese) e curando la direzione artistica dell’Hermans festival che si svolge in estate nei luoghi storici della Valnerina e sugli organi storici di Collescipoli. Collabora costantemente con il Festival Villa Solomei ed è Orchestra residente del Teatro Cucinelli a Solomeo di Corciano (PG).



La vendita dei biglietti per tutta la rassegna, sarà presso la biglietteria Teatro delle Muse e online www.geticket.it, da venerdì 10 luglio. Si consiglia la prenotazione: 071 52525 - biglietteria@teatrodellemuse.org. Posti massimi 150.



Biglietti INTERI: € 12; RIDOTTI EXTRA, giovani fino a 26 anni, invalidi e disabili: € 5. Per ragioni tecniche non sarà possibile, per questa Rassegna, utilizzare i voucher emessi a titolo di rimborso dei biglietti dei concerti della stagione 19/20 annullati causa emergenza sanitaria.



PROGRAMMA

 

Martedì 14 luglio 2020, ore 21.30.

SOIRÉE BAUDELAIRE

NICOLA MUSCHITIELLO voce recitante

ROBERTO PROSSEDA pianoforte

In collaborazione con Nie Wiem

Aspettando La Punta della Lingua Poesia Festival



Martedì 21 luglio 2020, ore 21.30

SUONO GIOVANE

MAURO PAOLO MONOPOLI violoncello

LEONARDO COLAFELICE pianoforte



Martedì 28 luglio 2020, ore 21.30

LA SERENISSIMA - LA SCUOLA VENEZIANA

Fabio Ceccarelli traversiere

Alessandra Montani violoncello

Fabio Ciofini clavicembalo e maestro di concerto

 

Luogo

ANCONA

Cosa Sapere

ANCONA

Cosa Vedere

ANCONA