Serra de Conti


http://www.comune.serradeconti.an.i...
Via Marconi, 6 60030 SERRA DE CONTI AN
0731.871711
info@comune.serradeconti.an.it
Mappa

Serra de’ Conti è un comune collinare della provincia di Ancona, situato lungo la valle del Misa. Ricco di valori storici e paesistici, conta circa 3700 abitanti.
Nell’Alto Medioevo esisteva una pieve appartenente ai monaci benedettini di S. Croce di Sassoferrato sulle cui terre si sarebbe formato il futuro Comune di Serra de’ Conti. Il suo nome compare per la prima volta nei documenti nel 1240, quando vengono definiti i suoi confini con Arcevia. All’epoca era stato già edificato il castello, amministrato nei secoli precedenti da conti, membri di nobili famiglie locali, che finirono per dare il loro nome al Comune.

E’ il Duecento a dare un’impronta al centro abitato circondato da mura, che si sviluppa in forma di fuso allungato da nord a sud, sulla strada di collegamento tra le valli del Misa a dell’Esino. Le mura sono ancora oggi intercalate da ben dieci torrioni. Su di esse si aprivano tre porte, di cui restano oggi quelle della Croce e di S. Lucia. Tra Duecento e Trecento Serra de’ Conti conobbe la massima espansione demografica ed economica. Dopo il governo dei conti, il Comune di Serra fu retto dai priori delle Arti e stabilì un’alleanza con Jesi. Nel XIV secolo viene edificata la chiesa di S. Francesco di cui resta, dopo l’abbattimento del secolo scorso, un bel chiostro dell’annesso convento, oggi sede di uffici comunali insieme al Palazzo Palazzi.

Chiese duecentesche sono S. Michele, costruita nel 1290 da monaci camaldolesi e rimaneggiata nel XV secolo e S. Maria “De Abbatissis” che nel 1252 apparteneva all’abbazia di S. Croce di Sassoferrato. Nel 1320 vi fu nominato priore il monaco Gherardo che nel 1524 fu beatificato e nominato patrono del paese. In gran parte ricostruita nell’Ottocento, la chiesa eponima si presenta con tre navate e diverse cappelle laterali. Nel Cinquecento fu costruito il complesso monastico di S. Maria Maddalena sui resti di un edificio preesistente da una comunità di suore Clarisse. La chiesa del convento, recentemente restaurata, fu edificata a partire dal 1603.

Oggi l’originale Museo delle arti monastiche raccoglie molti oggetti di vita quotidiana (ceramiche, utensili da cucina, contenitori per la spezieria, ricami, pizzi al tombolo e disegni ornamentali per paramenti sacri) appartenuti al monastero di S. Maria Maddalena. Il Museo è dotato di apparati video e multimediali, nonché di un percorso teatrale con audioguide studiato per compiere una visita immaginaria alle stanze della clausura.

Serra de’ Conti ha avuto anche uno sviluppo industriale: ne è testimonianza la fornace per laterizi di tipo Hoffmann. Rimasta in funzione dal 1884 al 1971, ha subito recentemente un intervento di restauro e ospita oggi un noto ristorante. A Serra de' Conti ogni anno durante le ultime giornate di novembre si tiene la Festa della cicerchia, legume tipico del posto insieme ai ceci. In questa occasione vengono aperte antiche cantine nel centro storico, in cui si possono consumare piatti a base di carne, legumi e pasta fatta in casa, condita con sughi casalinghi.
Altre produzioni tipiche di Serra de’ Conti sono il lonzino di fico (un salamino composto da fichi, noci, mandorle e mistrà) e il vino di visciola, mentre il più tradizionale Verdicchio, uno dei vini bianchi più importanti d’Italia, è diffuso in tutto l’interno dell’Anconetano.

a cura di Pier Luigi Cavalieri

Eventi Serra de Conti

dal 24 Novembre al 26 Novembre 2017 Dal 24 al 26 novembre la regina dei legumi poveri tornerà ad accogliere una nutrita schiera di fedeli sudditi. La Festa della Cicerchia è l’evento attraverso il quale Serra de’ Conti, uno dei borghi più affascinanti e meglio conservati di tutte le Marche, riscopre da più di 20 anni storie e sapori di un tempo, riportando alla memoria i...

Cosa Sapere

SERRA DE CONTI

Libri & Cultura

Vai all'inizio della pagina