Teatro e Danza
dal  09 Giugno
al  14 Giugno
ore 17, 17.30, 18, 18.30, 19 19.30, 20.30, 21, 21.30 e 22
Telefonowww.amatmarche.net

Descrizione

A labyrinth made of all the paths one has taken [Un labirinto fatto di tutti i percorsi che abbiamo attraversato]
 

[spettacolo in italiano o inglese]

 

Uno spettacolo che si svolge al telefono, sull’intimità, sull’ intimità con degli sconosciuti, sulle mappe, le mappe del desiderio, le mappe di possibili incontri, mappe immaginarie per incontri immaginari. È sulle storie che potremmo raccontare e su quelle che altri ci racconteranno. È sull’essere connessi, sull’essere in linea, la linea che muove, le linee telefoniche, le linee telefoniche dedicate al teatro. È sul teatro in linea, sul teatro sospeso su una linea, la linea sottile che divide realtà e finzione. Nel 2011 esce a Melbourne la prima versione di Theatre on a Line. Lo spettacolo replicato per un mese crea grande sensazione. Una versione differente verrà presentata due anni dopo a Prato con il Teatro Metastasio. Ora nella situazione che stiamo vivendo si carica di ulteriori significati. Diventa uno dei pochi modelli disponibili se vogliamo continuare a fare teatro. Lo spettatore da case compra on line il biglietto. Prenota giorno e ora. Riceverà subito dopo un numero di telefono e una password. Alla data e orario stabiliti chiamerà il numero, veri?cata la password sarà messo in comunicazione con l'attrice. Lo spettacolo inizia diventando poi una video chiamata.

 

Cuocolo/Bosetti, pluripremiata compagnia italo-australiana, da 20 anni ha dato vita ad una poetica teatrale che interseca realtà e finzione e si rivolge a gruppi di pubblico ristretti a cui viene chiesto di condividere dal vero e in un rapporto estremamente personale l’accadimento teatrale. Un’avventura questa denominata Interior Sites Project che conta, ad oggi, 16 parti/spettacoli che si sono svolti in casa, nel corso di una cena, in hotel, per strada, in metropolitana; Theatre on a line è il settimo episodio di Interior Sites Project; uno spettacolo nato nel 2011 in Australia dove è stato programmato per un mese con successo. Una versione differente è stata presentata due anni dopo a Prato con il Teatro Metastasio. Oggi, nella situazione in cui stiamo vivendo, Theatre on a line si carica di ulteriori significati: diventa un modello disponibile per continuare a fare teatro.

 

Al centro della nostra riflessione c'è il rapporto con lo spettatore. Un teatro in cui l'aspetto partecipativo, interattivo viene esaltato. Dove lo spettatore/ospite è libero di muoversi, di esplorare lo spazio, di adottare vari punti di vista: è privo, insomma, del "posto assegnato". Un teatro dove gli spettatori diventino partecipi dell'opera: si pongano in rapporto reciproco generando tra loro relazioni fisiche di prossimità, o in questo caso di distanziamento, animando il lavoro da molteplici angolature. Ci sono molti modi di immaginare il posto del teatro. Uno è costruito di mattoni e cemento, con un sipario rosso e una serie di posti numerati; un altro è un posto immaginario pieno di giustapposizioni politiche e incontri psicologici. Non dico di abbandonare i teatri a cui, anche se non li usiamo, siamo tanto legati, ma d'intraprendere contemporaneamente un viaggio teatrale, al di là delle abitudini, che incorpori i temi mitici dell'interrogarsi, del ricercare, che serva come mappa di desideri, sogni, paure. Un teatro ecologico, che usi l'esistente, che si prenda cura del mondo circostante, non negazione del disastro, ma redenzione del disastro attraverso il moto affettivo e conoscitivo del mettere in forma, che diventa anche la forma di un comportamento e dunque un modo etico. Chiedo ai miei colleghi di diventare visionari di quello che c'è. Questa crisi ci potrebbe aiutare a cambiare strada. Nella presa di coscienza della fragilità del sistema (non solo teatrale) potrebbe diventare una tappa nel cammino del cambiamento. (Cuocolo/Bosetti)



Durata variabile da 15 a 30 minuti.

 

Lo spettatore che ha acquistato il biglietto on line sarà contattato telefonicamente (sms o whatsapp) e riceverà il numero da chiamare per accedere allo spettacolo. Si raccomanda la massima puntualità.

 

Luogo

Cosa Sapere

Cosa Vedere