Museo dei colori naturali

All'interno del chiostro dell'Abbazia di Lamoli di Borgo Pace si trova il Museo dei Colori Naturali "Delio Bischi". Voluto e realizzato dall'Oasi San Benedetto, il Museo è un elemento qualificante di una politica del territorio come bene vivo, per un pubblico interessato e desideroso di conoscere.

Si tratta di un percorso sulla storia dei colori naturali attraverso l'uso che l'uomo ne ha fatto nel corso dei secoli, dall'antichità fino ai primi anni del '900 quando entrarono sul mercato i colori sintetici. Oggi, a causa delle tante ed evidenti problematiche ambientali, si torna a riscoprire la storia di questi antichi e nobili colori. Il Museo approfondisce questi aspetti, proponendo documenti d'archivio e bibliografici, offrendo un percorso pratico di esperienze e laboratori per conoscere la natura del colore vegetale, la coltivazione della piante tintorie, l'estrazione del colore, l'utilizzo dei pigmenti nei possibili campi d'impiego e disponendo anche di un laboratorio per la realizzazione dei colori e applicazioni su supporti diversi.

Nel chiostro sono esposti i documenti d'archivio, l'erbario con le schede tecnico-scientifiche sulle principali essenze tintorie e un laboratorio di sviluppo e ricerca per l'estrazione dei pigmenti vegetali da fiori, bacche, foglie e radici. Il Museo illustra specie di piante tintorie quali la robbia, la reseda e il guado. La coltivazione e la lavorazione del guado costituirono, nel periodo rinascimentale, una risorsa essenziale nello sviluppo commerciale ed economico del Montefeltro: l'indaco infatti era un colore prezioso, per la complessità delle fasi di estrazione e tintura, che solo la nobiltà poteva permettersi.

La lavorazione del guado è stata recentemente riscoperta nel Montefeltro da Delio Bischi attraverso i ritrovamenti di macine e mulini da guado che servivano per l'estrazione del pigmento da questa pianta. Il visitatore, attraverso un percorso tra il Museo, la serra e le coltivazioni sperimentali, potrà conoscere e sperimentare la natura del colore vegetale, la coltivazione della piante tintorie, l'estrazione del colore e l'utilizzo dei pigmenti nei possibili campi d'impiego. Il Museo è sempre aperto e sono disponibili informazioni e dimostrazioni per chiunque sia interessato all'approfondimento e alla ricerca sull'argomento. Si organizzano corsi e stage dal sabato alla domenica (corso di tintura di lana, seta e cotone con colori vegetali, erbe e colori). Si vendono anche prodotti realizzati con i colori naturali (saponi, candele, tessuti e filati, acquerelli tempere e pigmenti).

Aperture: sabato, domenica e festivi di luglio e agosto dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18; altri giorni su richiesta; ingresso a pagamento

 

Devi effettuare il login per inviare commenti

Cosa Sapere

Libri & Cultura

  • Nativo di Montegiorgio, Giuseppe Vannicola (1876-1915) è stato musicista, traduttore, scrittore, giornalista, poeta, editore, promotore culturale. Ha potuto così sperimentare…
    Leggi tutto...
  • delle Marche. I racconti popolari delle Marche custodiscono antichi segreti e misteri perduti nel passato.
    Leggi tutto...
  • Leggi tutto...
  • Questo numero di “Economia Marche”, rivista della Fondazione Merloni di Fabriano, tratta di lavoratori stranieri nell’economia marchigiana (G. Bettin, D.…
  • Prima di dimenticare Il libro è un grande affresco familiare, che documenta le vite difficili nell’Anconetano di mezzadri, calzolai, filandaie dall’Ottocento fino alla…
  • dal 1797 al 1799
    Leggi tutto...
  • Cupramontana in tasca Questa guida di Cupramontana è pensata per i visitatori che desiderano conoscere le memorie remote e recenti di questa cittadina…
  • insolite nelle Marche
    Leggi tutto...
  • Conoscere per riconoscere L’analisi dell’autrice si focalizza sull'esistenza della cosiddetta “mafia silente”, in specie la 'ndrangheta, nel tessuto socio-economico delle Marche. Droga, traffico…
  • Il libro ricostruisce in maniera approfondita l'eccidio di Montalto, avvenuto il 22 marzo 1944, nel quale persero la vita molti…
    Leggi tutto...
  • Acruto Vitali poeta e pittore Acruto Vitali, nativo di Porto San Giorgio, fu poeta, cantante e pittore, amico di Osvaldo Licini e di Sandro Penna.…
  • Guida storico artistica del comune di Acquasanta Terme
    Leggi tutto...
  • Pianello di Cagli Gli autori ripercorrono la storia della vallata di Pianello dall’età del Ferro fino all’epoca medievale quando l’abbazia di San Pietro…
  • La stanza dell'infinito Carlo Antognini (Ancona, 1937-1977) fu il primo critico letterario ed editore marchigiano ad occu-parsi della relazione tra poeti, scrittori e…
  • Castelli da scoprire nelle Marche Una guida ai tanti castelli, rocche e fortificazioni della regione Marche, attraverso itinerari culturali, con oltre 160 foto a colori,…
  • Il volume, ben illustrato, accompagna i visitatori attraverso Urbino facendo scoprire loro monumenti, musei, chiese e palazzi. Inoltre esso presenta…
  • Jesi in tasca Una puntuale e agile guida alla scoperta della città di Jesi e del suo territorio, attraverso itinerari culturali e naturalistici,…
  • Questo numero doppio di “Accademia Raffaello” tratta di vari argomenti di interesse urbinate tra cui: La Gloria dei Santi per…
  • Nel 268 a.C. Ascoli dovette difendersi da un'aggressione scatenata dai Romani per volontà di conquista. Dal sanguinoso conflitto il Piceno…
  • Questo numero di “Accademia Raffaello”, uscito in ritardo, presenta articoli sulla riscoperta della pittura del XIV secolo a Urbino, sull'orazione…
Vai all'inizio della pagina