L'ornamento marmoreo della Santa Casa

L’Ornamento marmoreo che riveste la Santa Casa di Loreto racchiude uno dei luoghi più venerati del mondo cattolico ed è in sé stesso una delle massime espressioni della scultura del XVI secolo in Italia. Tra i capolavori presenti nel santuario lauretano, esso è considerato il più importante, per grandiosità di disegno – 610 metri di sculture – e qualità artistica. Le vicende della sua progettazione ed esecuzione sono complesse; il suo completamento richiese settanta anni e il lavoro di numerosi artisti, per lo più toscani. Tuttavia la sua messa in opera ha una data di inizio ufficiale, che è il 10 novembre 1531, quando fu murato il primo lapis marmoreus alla presenza del governatore di Loreto Giovanni Antonio de Statis e di Antonio da Sangallo, architetto del santuario, mentre un coro di chierici intonava le Litanie della Vergine. 

Il progetto di Bramante

All’inizio del Cinquecento la basilica di Loreto, mèta da tempo di un incessante e sempre crescente flusso di pellegrini, era un vasto cantiere. La sua costruzione era iniziata infatti nel 1468 per volontà di papa Paolo II e quando nel 1507 Giulio II aveva inviato a Loreto l’architetto papale  Donato Bramante, essa era in buona parte completata in quanto era stata voltata anche la grande cupola. Papa Della Rovere aveva chiesto al grande architetto, nativo di Fermignano, di “compiere cose magne e disegnare molte opere”. 

Oltre alla facciata della basilica (che non sarebbe stata realizzata) e alla piazza antistante con il Palazzo Apostolico, il Bramante progettò un rivestimento della Santa Casa che avrebbe dovuto sostituire il muro, ormai fatiscente, su cui era dipinta la Traslazione, che aveva protetto a lungo la Casa di Nazareth. A Bramante era affidato il compito di rappresentare, tramite la scultura, il mistero dell’Incarnazione di Gesù, e ciò non poteva avvenire, a protezione di un edificio  ritenuto la dimora stessa della Vergine, se non attraverso un’opera splendida, capace nello stesso tempo di ammaestrare e di meravigliare i fedeli. Il grande artista concepì il rivestimento come un baldacchino, sorretto da colonne e arricchito di molti ornamenti che narravano storie aventi come protagonista o testimone la Madonna: la Natività della Vergine stessa, lo Sposalizio con S. Giuseppe, l’Annunciazione, la Visitazione a S. Elisabetta, la Natività di Gesù, l’Adorazione dei pastori e dei magi, la Dormizione di Maria. Infine, vi doveva essere rappresentata la Traslazione della Santa Casa da Nazareth a Loreto per ministero angelico. Secondo un’iconografia già affermata, tra una storia e l’altra dovevano essere collocate figure di Profeti, che dovevano rappresentare la rispondenza del Nuovo con il Vecchio Testamento, e di Sibille, le quali stavano a simboleggiare l’attesa e il preannuncio del Cristo presso i pagani. La forma artistica prescelta fu il bassorilievo per le storie e la scultura per le statue dei Profeti e delle Sibille. Il materiale scelto fu il marmo, sia perché corrispondeva alla cultura classica del Rinascimento, sia per la sua lunga durata. Tuttavia per la realizzazione dell’opera si dovettero attendere ancora diversi anni, anche a causa degli avvicendamenti degli architetti incaricati dei lavori della basilica e di terribili eventi come il Sacco di Roma.

Andrea Sansovino e Antonio da Sangallo

Bramante restò a Loreto fino al 1509, poi la direzione dei lavori passò a Cristoforo Romano, che diede inizio alla grande impresa nel 1511, ma la svolta nell’esecuzione dell’Ornamento marmoreo si ebbe quando, nel giugno 1513, poco dopo essere stato eletto, papa Leone X affidò la soprintendenza della Fabbrica lauretana all’architetto Andrea Contucci, detto il Sansovino. Il nuovo pontefice, che aveva visto e approvato il modello ligneo del rivestimento marmoreo (opera del fiorentino Antonio Pellegrini), incaricò il Sansovino di provvedere alla sua realizzazione. Si mise in moto così una complessa macchina organizzativa: il Sansovino si recò personalmente a Carrara per scegliere i marmi più adatti, lasciandovi poi un esperto scalpellino per sorvegliare l’escavazione e il successivo imbarco dei blocchi su una nave diretta da Marina di Carrara ad Ancona, da cui sarebbero stati poi trasferiti su dei barconi al Porto di Recanati. Al suo ritorno a Loreto Sansovino inviò in Istria un altro scalpellino che gli avrebbe procurato la pietra necessaria per realizzare la base e le parti meno pregiate dell’Ornamento.

Il 3 maggio del 1514 giunse nel porto di Ancona, dopo aver effettuato il periplo della Penisola, il primo naviglio carico di marmi; per il mese di novembre vi erano pervenute quarantotto “carrate”, che corrispondono all’incirca ad altrettante tonnellate, di marmi.

Fu Sansovino stesso a scolpire i bassorilievi dell’Annunciazione, dell’Adorazione dei pastori e parte dello Sposalizio di Maria, mentre gli altri quadri narrativi furono opera di suoi collaboratori, che avrebbero in seguito acquistato fama, come Baccio Bandinelli e Domenico Aimo. È noto che la lavorazione dei marmi avveniva all’interno della basilica, nello spazio del coro, l’attuale cappella centrale dell’abside. Tuttavia esisteva pure ad Ancona una bottega dove Bandinelli e Aimo  scolpivano i marmi appena sbarcati per la Santa Casa.

I bassorilievi del Sansovino, con le armoniche figure che si stagliano su sfondi architettonici, sono considerati tra le sue opere più alte. Sansovino restò a Loreto fino al 1527, impegnato anche in altre opere in città vicine, ma nell’annus horribilis del Sacco di Roma egli si ritirò a vivere nel suo paese natale, Monte San Savino. Nello stesso tempo molti altri artisti lasciarono Loreto e le lavorazioni dei marmi si interruppero. 

Una nuova fase iniziò con l’affidamento dei lavori della basilica ad Antonio da Sangallo il Giovane, il quale chiamò come suoi collaboratori nella realizzazione dell’Ornamento Raffaello da Montelupo, Niccolò Tribolo e Aurelio Lombardi. Nel 1531, come si è detto, fu posta la prima pietra del rivestimento, che negli anni successivi fu alacremente realizzato. Nel 1533-34 lo stesso Antonio da Sangallo aggiunse la balaustra che sovrasta la Santa Casa. La grandiosa opera fu completata da Raniero Nerucci nel 1538 e poi dai fratelli L. e G. Lombardo e G.B. e T. Della Porta, che tra gli anni Quaranta e il 1572 eseguirono le statue delle Sibille e dei Profeti collocate nelle nicchie tra una scena e l’altra. 

L’Ornamento marmoreo della Santa Casa appariva ora nel suo pieno splendore, tanto che pochi anni dopo, nel 1582, di fronte ad esso un pellegrino d’eccezione, Michel de Montagne, annotò nel suo diario: “Non è facile vedere opere più rare ed eccellenti di questa”.  

a cura di Pier Luigi Cavalieri

Informazioni aggiuntive

  • citta: LORETO
Devi effettuare il login per inviare commenti

Articoli correlati (da tag)

  • 10 dicembre 1294: la Venuta a Loreto della Santa Casa

    Secondo una delle più celebri tradizioni devote del cattolicesimo, la notte tra il 9 e il 10 dicembre 1294 la Casa di Nazareth, dove la Vergine Maria ricevette l’Annunciazione e dove visse la Sacra Famiglia, fu trasportata da un volo di angeli sulla collina situata nel territorio di Recanati, a breve distanza dal Mare Adriatico. Quel colle, fino ad allora noto come Monte Prodo, avrebbe preso il nome di Loreto. La notte in cui si compì il sacro prodigio è detta da molti secoli, nella cultura popolare delle Marche, la “notte della Venuta” ed è rischiarata da falò accesi in tutte le campagne per indicare agli angeli il cammino da compiere per raggiungere la mèta. Per rievocare il miracolo della Venuta, a Loreto nella notte si tiene una processione con la statua della Vergine e il giorno successivo si celebra un solenne pontificale nella Basilica che dalla fine del XV secolo racchiude la Santa Casa. 

     

    La tradizione 

     

    Questa antica tradizione si è andata formando nel corso di quasi due secoli prima di definirsi in forma scritta nel resoconto di Pietro di Giorgio Tolomei detto il Teramano, intorno al 1470. La lunga elaborazione ha fatto sì che la storia si arricchisse di dettagli e di riferimenti a diverse soste della Casa di Nazareth prima dell’arrivo a Loreto. L’inizio del trasferimento dalla Terrasanta sarebbe stato non nel 1294, ma tre anni prima, nel 1291, quando la città di S. Giovanni d’Acri in Palestina cadde in mano ai musulmani e scomparve perciò dalla Terrasanta l’ultima traccia dei regni cristiani formatisi in seguito alle Crociate. Fu allora, il 10 maggio 1291, che gli angeli sollevarono la Casa di Nazareth portandola in volo fino a Tersatto, ora un quartiere della città di Fiume, in Croazia, dove divenne oggetto di devozione popolare. Tuttavia i pellegrinaggi dei fedeli erano ostacolati dalla presenza di banditi, perciò gli angeli trasferirono la dimora della Vergine sull’altra sponda dell’Adriatico, ad Ancona, nel luogo dove sorge ora la chiesa di S. Maria Liberatrice di Posatora. Dopo nove mesi gli angeli risollevarono di nuovo la Santa Casa per posarla in un luogo prossimo a Porto Recanati, dove ora sorge la piccola chiesa della Banderuola, in mezzo a una selva di proprietà di una nobile signora di nome Loreta (da cui sarebbe scaturito il nome del futuro santuario). Tuttavia, ancora una volta essa fu spostata per l’eccessiva vicinanza al mare, che la rendeva oggetto di possibili incursioni. Il luogo prescelto dagli angeli fu questa volta la sommità del Monte Prodo, su cui passava una pubblica strada che conduceva da Recanati al suo porto. Il colle era ricoperto di piante di alloro (in latino laurus) e fu perciò detto Loreto (derivazione più probabile di quella della nobile Loreta). La nuova sede si rivelò quella definitiva. Alcuni studiosi ritengono che dietro il racconto devozionale si celi una realtà storica: il reale trasferimento delle pietre della Casa nazaretana di Maria a Loreto non “per ministero angelico” ma, via mare, per opera di una nobile famiglia bizantina chiamata Angeli nello stesso anno citato dal Teramano, il 1294. Un documento attesta infatti che in quell’anno Niceforo Angeli, despota dell’Epiro, consegnò “le sante pietre” provenienti da Nazareth come dote nuziale della figlia a Filippo d’Angiò, figlio del re di Napoli Carlo II. Il successivo passaggio e trasferimento in territorio recanatese sarebbe avvenuto in quanto nel 1294 il vescovo di Recanati Salvo sostituiva a Roma il pontefice Celestino V mai recatosi nell’Urbe. 

     

    La storia del culto

     

    La documentazione storica sul culto della Virgo lauretana inizia a partire dal 1315 quando è attestata la presenza, all’interno della chiesa che sorgeva sull’alto colle prospiciente il mare, di un dipinto raffigurante la Vergine, che veniva attribuito all’evangelista S. Luca. Ben presto al dipinto sarebbe subentrata una statua della Madonna con il Bambino che sarebbe annerita per il fumo delle candele e dell’olio delle lampade. Risale allo stesso anno un processo intentato contro tre nobili recanatesi per essersi appropriati di elemosine, ceri, lampade, doni e immagini votive che adornavano la statua. Il fatto mostra quanto fossero esposti alle ruberie i luoghi di culto, ma pure che i pellegrini, ad appena 20 anni di distanza dalla data voluta dalla tradizione, erano già numerosi. Nacque così intorno alla chiesa un insediamento chiamato nel 1336 Villa Laureti e nel 1361 Villa Santa Maria de Laureto. In breve, nella seconda metà del Trecento, la chiesa rurale che sorgeva nella selva di allori divenne il centro religioso della città e della diocesi di Recanati. Prima il vescovo Oliviero con le autorità religiose, poi le autorità cittadine si recarono ufficialmente in visita al sacro edificio, mentre si moltiplicavano i fedeli che riferivano di aver ricevuto miracolose guarigioni dopo essersi recati a far visita alla Madonna di Loreto in quell’umile edificio che si cominciò a definire come la dimora stessa della Vergine. Così nel 1375 papa Gregorio XI da Avignone concesse una indulgenza ai fedeli che avessero compiuto il pellegrinaggio lauretano nei giorni delle maggiori festività. Il vistoso incremento di pellegrini che avvenne nella seconda metà del Trecento viene spiegato con i periodici ritorni della piaga della peste, che aveva fatto la sua prima, calamitosa comparsa alla metà del secolo. La Vergine era infatti invocata come protettrice contro il terribile morbo, e la rapida espansione del culto della Madonna di Loreto potrebbe essere proprio dovuto a tale realtà storica. Non è un caso che una moltitudine di Flagellanti vestiti di bianco sia confluita proprio a Loreto nel 1399 per chiedere alla Vergine misericordia, pace e salute. Da allora il culto popolare della Madonna di Loreto superò i confini delle Marche per estendersi gradualmente all’Italia intera. Nella prima metà del Quattrocento giunsero in visita a Loreto vari personaggi illustri e nel 1449 il pontefice Niccolò V. 

     

    La data decisiva per il santuario è il 1469 quando il vescovo di Recanati Nicolò delle Aste diede inizio alla costruzione di una grande basilica che avrebbe custodito al suo interno quella chiesa da tempo ritenuta dai pellegrini la Casa di Nazareth. Da allora Loreto sarebbe divenuta mèta del più grande pellegrinaggio della Cristianità.

     

     

    a cura di Pier Luigi Cavalieri

  • Museo storico aeronautico

    a Loreto sulle ali della storia

Monte San Giusto - Presepi artistici 2018

Cosa Sapere

LORETO

Libri & Cultura

Vai all'inizio della pagina