Urbino e le leggi speciali

Il volume ripercorre la storia di Urbino dal secondo dopoguerra in poi, anni in cui si è agito per recuperare il suo centro storico danneggiato, cercando di far rinascere la città. In particolare si considerano le tre leggi speciali che hanno permesso di recuperarne e preservarne il patrimonio architettonico.

Autore: Giancarlo Di Ludovico

Genere: Storia

Editore: QuattroVenti, Urbino 2010

Pagine: 300

Devi effettuare il login per inviare commenti

Cosa Sapere

Libri & Cultura

  • Nella sua vasta produzione poetica Plinio Acquabona (Ancona 1913- 2002) ha indagato lo smarrimento dell’uomo contemporaneo che vive nella dimensione…
    Leggi tutto...
  • Leggi tutto...
  • L’autore prende in considerazione cento personaggi di primo piano della vita politica marchigiana nel XX secolo mostrando come essi hanno…
  • Un nuovo studente, Berengario, viene ammesso alla scuola di Cecco d'Ascoli, letterato, astrologo e soprattutto medico. Scoprirà a breve che…
    Leggi tutto...
  • Paolo e Francesca Il volume tratta del mito di Paolo e Francesca nel corso dei secoli, partendo da Dante per giungere sino al…
  • Le ricerche promosse negli anni dal “Centro di studi e documentazione dell’Università di Macerata” hanno permesso agli autori di delineare…
  • Quaderni del Consiglio Regionale delle Marche
    Leggi tutto...
  • Nel 1811 le Marche furono spogliate di 157 opere d’arte che il governo napoleonico volle trasferire a Milano per arricchire…
  • La Madonna della neve di Aniello Stellato L’emergenza del grave terremoto del 2016-2017 che ha danneggiato anche Grottazzolina ha richia-mato l’attenzione sul patrimonio culturale del Fermano. Questo…
  • una detective story spiritistica a Civitanova nel 1909
    Leggi tutto...
  • Studi maceratesi Questo numero di “Studi Maceratesi”, centrato sull’esperienza della Prima guerra mondiale nella provincia di Macerata, ospita articoli di P. Magnarelli,…
  • L'erudito e lo scultore Il marchese di Macerata Amico Ricci (1794-1862) è l’autore delle Memorie storiche dell’Arte e de-gli Artisti della Marca di Ancona…
  • Brodetti, vincisgrassi, maccheroncini di Campofilone, arrosti, preparazioni in potacchio: le autrici hanno intrapreso un viaggio tra i profumi e i…
    Leggi tutto...
  • La confraternita del Corpus Domini di Urbino Alla Confraternita del Corpus Domini di Urbino furono iscritti Giovanni Santi e il figlio Raffaello Sanzio, il che rende questo…
  • Ciriaco Pizzecolli, noto come Ciriaco d'Ancona (1391-1452/55) è considerato il fondatore dell'archeologia e della scienza antiquaria. Un po’ mercante, un…
  • la produzione di tabacco nelle Marche del XX secolo. Il caso dei Mastrocola di Loro Piceno
    Leggi tutto...
  • Il senso di un luogo Oltre il limite delle mura ad Urbino c'è la magnificenza del paesaggio con le colline e i monti dell'Appennino sullo…
  • Nativo di Montegiorgio, Giuseppe Vannicola (1876-1915) è stato musicista, traduttore, scrittore, giornalista, poeta, editore, promotore culturale. Ha potuto così sperimentare…
    Leggi tutto...
  • e la presa di Ancona
    Leggi tutto...
  • De Urbini ducibus liber. Quest’opera dell’umanista Pietro Bembo, presente alla corte di Urbino nel primo Cinquecento, si fa portatrice
    Leggi tutto...
Vai all'inizio della pagina