Ciriaco Pizzecolli, noto come Ciriaco d'Ancona (1391-1452/55) è considerato il fondatore dell'archeologia e della scienza antiquaria. Un po’ mercante, un po’ diplomatico, Ciriaco contribuì a diffondere l'interesse per il collezionismo delle antichità tra le classi dirigenti europee. G. Mangani ne traccia un profilo sullo sfondo del suo tempo. 

Sottotitolo: L'archeologia geopolitica di Ciriaco d'Ancona

Curatore: Giorgio Mangani

Genere: archeologia, storia

Editore: Mimesis, Sesto San Giovanni (MI) 2017

Pagine: 157

Devi effettuare il login per inviare commenti

Altro in questa categoria:

Cosa Sapere

Libri & Cultura

  • e romani nelle Marche meridionali
    Leggi tutto...
  • Regione di antiche tradizioni rurali con una cultura prevalentemente orale, le Marche hanno condensato nei proverbi gran parte delle informazioni…
    Leggi tutto...
  • Dal Metauro al Titano
    Leggi tutto...
  • La bella rivista quadrimestrale “Le Cento Città” raccoglie in questo numero contributi di M. Luni e C. Cardinali sulle città…
    Leggi tutto...
  • Verdi e le Marche Questo volume raccoglie testimonianze sugli incontri di Giuseppe Verdi con compositori marchigiani come Francesco Basili, Lauro Rossi, Filippo Marchetti e…
  • Padre Pino Puglisi, 9 sentieri di buonsenso
    Leggi tutto...
  • Senigallia Dall’Unità d’Italia alla fine del XX secolo Senigallia ha subito profonde trasformazioni diventando un operoso centro di spiccata vocazione turistico-balneare…
  • Il n. 7 della rivista “Marca/Marche” tratta in particolare di storia dell’agricoltura. Dopo l’introduzione dei curatori L. Andreoni e M.…
  • Il n. 50 di “Studi maceratesi” raccoglie contributi di vari autori che spaziano dalla devozione alla Madonna di Loreto a…
  • Il volume, realizzato dalla rete di Storia di Castelfidardo con la collaborazione di Marco Moroni, tratta dell’Adriatico come mare di…
  • Come reagì Ancona alla caduta del fascismo? Che cosa accadde nei 45 giorni che intercorsero tra il 25 luglio, data…
    Leggi tutto...
  • Il Montefeltro e l'Oriente islamico Nell’affascinante mostra in corso a Urbino, preziosi oggetti e arredi di epoca rinascimentale, con particolare attenzione al mondo orientale, rivelano…
  • Nel 1811 le Marche furono spogliate di 157 opere d’arte che il governo napoleonico volle trasferire a Milano per arricchire…
  • Fabriano in tasca Questa guida tascabile di Fabriano si rivolge ai visitatori che desiderano conoscere la città della carta attraverso itinerari storico-archeologici, culturali…
  • Quaderni del consiglio regionale delle Marche Nel 1960 nasce a Fano ad opera di Valerio Volpini un circolo culturale intitolato a Jacques Maritain e nel 1964…
  • Nel Medioevo Fermo è stato uno dei centri più rilevanti dell’area medio-adriatica. La città, situata sulla sommità di un colle,…
    Leggi tutto...
  • Ancona e il suo territorio tra Risorgimento e unità
    Leggi tutto...
  • La bellezza del numero Un personaggio esotico con un cappello da mago sta in piedi al centro della Scuola di Atene di Raffaello nella…
  • Gli autori si sono proposti di individuare i segni ancora leggibili della tradizione agrumicola picena dal secolo XIV ai giorni…
  • contro il declino
    Leggi tutto...
Vai all'inizio della pagina