53^ Fiera nazionale del tartufo bianco pregiato

grande mostra mercato, il Salotto da Gustare tra cooking show con chef stellati, esibizioni, sfide tra vip in cucina, spettacoli e degustazioni, mostre, laboratori didattici e creativi per adulti e bambini, esperienze sensoriali, visive e olfattive


da: Dom, 28. Ottobre 2018
 a: Dom, 11. Novembre 2018
Vie del paese
ACQUALAGNA, PU
0721.796741
www.acqualagna.com
Mappa

Nel cuore dell’Appennino marchigiano, in provincia di Pesaro e Urbino, nella splendida cornice della Riserva naturale della Gola del Furlo, Acqualagna, paese natale di Enrico Mattei, è un vero giacimento tartufigeno: detiene il primato italiano nella vendita del tartufo, patrimonio fondamentale dell’economia e della cultura dell’area.

Qui si concentrano i due/terzi della produzione nazionale, destinati nei luoghi più lontani e diversi del mondo. Crescono qui ben quattro varietà, una per ogni stagione: il Tartufo Bianco Pregiato (Tuber Magnatum Pico dall’ultima domenica di settembre al 31 dicembre), il Tartufo Nero Pregiato (Tuber Melanosporum Vitt dal 1° dicembre al 15 marzo), il Tartufo Bianchetto (Tuber Borchii Vitt dal 15 gennaio al 15 aprile), il Tartufo Nero Estivo(Tuber Aestivum Vitt dal 1° giugno al 31 agosto). Siamo nel vivo della raccolta del Tuber Magnatum Pico (dall’ultima domenica di settembre al 31 dicembre) il tartufo bianco più pregiato al mondo. Oggi Acqualagna è punto di riferimento online delle quotazioni del prezioso tubero a livello nazionale. I dati sono raccolti giornalmente da un “Osservatorio Prezzi” che stabilisce un valore medio di vendita riferito alla qualità e alla pezzatura dei tartufi che vanno da: 0-15 grammi, 15-50 g e superiore a 50 g. Tra i più importanti appuntamenti del settore a livello internazionale, la Fiera del Tartufo Bianco che giunge quest’anno alla cinquantatreesima edizione, vanta un’offerta ampia e innovativa: all’eccellenza del tartufo (sia dal punto di vista commerciale e gastronomico) si uniscono le altre preziosità italiane attraverso un calendario ricco di eventi, performance gastronomiche e culturali, ospiti del mondo dello spettacolo insieme ai Maestri che hanno fatto grande la cucina italiana e a celebri cuochi divenuti veri personaggi televisivi che qui trovano la location perfetta per esprimere il meglio di sé attraverso il Tartufo Bianco, tanto amato dai gourmand di tutto il mondo. Novità straordinaria dell’edizione 2018 è l’apertura del Museo del Tartufo. Un nuovo racconto sul mondo del tartufo dedicato al grande pubblico attraverso un approccio plurisensoriale, fortemente interattivo grazie alle tecnologie digitali e a realtà virtuali. Una “truffle experience” tra mappe olfattive, teatro virtuale, libreria digitale e food tasting. Il Tartufo è Acqualagna e dunque un Museo dedicato a questa eccellenza diventa narrazione autentica dell’identità del territorio e della sua comunità, riuscendo a mettere in luce la complessità delle relazioni antropologiche-culturali instaurate nei secoli tra uomo e tartufo: come gli strumenti e le tecniche della “cerca”, agli aspetti mitologici, letterari ed artistici fino alla ricca tradizione gastronomica e culturale.

Chi visita Acqualagna in occasione della Fiera, non può non fermarsi alla Casa natale di Enrico Mattei, fondatore e presidente di Eni, nato ad Acqualagna il 29 aprile 1906. L’edificio rappresenta il primo museo in Italia a lui dedicato che conserva intatte alcuni inediti stralci di storia personale del grande manager italiano. Per ritrovare oggi l’eredità spirituale del grande industriale italiano, il Comune di Acqualagna ed ENI offrono ai visitatori un percorso multimediale sulla straordinaria vita del più grande imprenditore italiano. Uno spazio, che parte dal ricordo della nascita di Mattei, per ripercorre e celebrare alcuni momenti della sua vita di imprenditore, di personaggio pubblico e le “conquiste” più significative in termini di “progresso sostenibile. Acqualagna è ricca anche di importanti testimonianze storiche, memorie di un affascinante e remoto passato. Da visitare l’abbazia di San Vincenzo, edificata nel IX secolo dai monaci benedettini, o i resti monumentali dell’antica via Flaminia del III secolo a.C., così come la galleria nella roccia del 76 d.C. voluta dall’imperatore Vespasiano, o la fortezza sul Candigliano, un lungo viadotto di età augustea.

 

 

Informazioni complete sul programma disponibili sul sito del comune: www.acqualagna.com

Monte San Martino - Saperi e sapori 2018

Cosa Sapere

ACQUALAGNA

Libri & Cultura

Vai all'inizio della pagina