Le Marche e il Regno Italico

2 aprile 1808

Napoleone nel castello di Schönbrunn, firma il decreto che pone fine allo Stato Pontificio.

Tale decreto che va in vigore l’11 aprile sancisce che le Marche d’ora in poi faranno parte del Regno Italico, voluto da Napoleone, istituito tre anni prima cioè il 17 marzo 1805.

Il Regno Italico conta 24 Dipartimenti: ognuno di essi ha un Prefetto, un Intendente di Finanza e una Direzione delle Poste.

In esso dal 1806 è in vigore il Codice Napoleonico; si estende dal Fiume Sesia all’Isonzo e dalle Alpi al Tronto con una popolazione di 6 milioni e mezzo di abitanti e una superficie di 76.000 Kmq.

L’Umbria che faceva parte dello Stato Pontificio è unita all’Impero Francese. Le Marche invece al Regno Italico che ha per capitale Milano.

Sul modello della Francia anche i Dipartimenti delle Marche prendono il nome dai fiumi. Sono tre: il Dipartimento del Tronto con capoluogo Fermo; il Dipartimento del Musone con capoluogo Macerata; il Dipartimento del Metauro con capoluogo Ancona.

Vice-Prefetture del Dipartimento del Tronto sono Ascoli Piceno e Camerino. Però quest’ultima città, nel luglio 1808 passa al Dipartimento del Musone e come vice-prefettura subentra San Ginesio.

Costituiscono il Dipartimento del Tronto i seguenti “cantoni”: Sant’Elpidio, Montegiorgio, San Ginesio, Petritoli, Sarnano, Montalto, Ripatransone, Offida, Ascoli, e Camerino.

Quello del Musone, che come detto ha per capoluogo Macerata, è costituito dai cantoni di Civitanova, Caldarola, San Severino, Tolentino, Treia, Fabriano, Cingoli, Recanati, Loreto, Osimo, Monte Santo (=Potenza Picena) e Rocca Contrada (=Arcevia).

Il Dipartimento del Metauro oltre al capoluogo Ancona (invano insidiata da Urbino) ha i cantoni di: Colmurano, Corinaldo, Montalboddo, Urbino, Urbania, Sant’Angelo in Vado, Pesaro, Salodecchio ed anche Gubbio (che farà parte delle Marche fino al 1860).

Questa suddivisione delle Marche nei tre dipartimenti durerà fino al ritorno delle Marche al Papa.

Il Governo provvisorio Austriaco succeduto alla caduta di Napoleone e Murat stesso, mantengono in vita i tre dipartimenti marchigiani finché nel 1816 verranno istituite le Delegazioni Apostoliche.

Particolare significativo: Napoleone, nel castello di Schönbrunn, il 2 aprile 1808 pone fine allo Stato Pontificio con decorrenza 11 aprile 1808. Il 2 aprile 1814 nello stesso castello viene decretata la detronizzazione di Napoleone e con decorrenza 11 aprile 1814 il Papa rientra in possesso dei suoi Stati.

Coincidenza casuale di date o contrappasso?

“Ai posteri l’ardua sentenza!”.

Gabriele Nepi

Devi effettuare il login per inviare commenti

Cosa Sapere

Libri & Cultura

  • Piccolo dizionario sociale del terremoto Il volume indaga le forme possibili della ricostruzione sociale e territoriale nelle zone colpite dal terremoto del 2016. Marco Giovagnoli…
  • L'editoria di cultura in Italia: il caso Marche
    Leggi tutto...
  • e la criminalità politica nello Stato Pontificio
    Leggi tutto...
  • La collana dei Maestri della Electa presenta l'opera di Lorenzo Lotto (1480-1556). Le opere più significative del pittore veneto che…
    Leggi tutto...
  • L’assedio e la conquista di Ancona da parte delle truppe piemontesi nel settembre 1860 rappresenta uno degli episodi salienti del…
  • Questo catalogo analizza 50 opere espressione del futurismo, movimento che coinvolse non solo le arti figurative, ma anche la letteratura,…
  • di Ancona. Luoghi e protagonisti di un'istituzione Il Palazzo del Governo di Ancona, il cui disegno quattrocentesco è stato
    Leggi tutto...
  • Memoria di un tempo perduto Questo volume è il catalogo delle opere del pittore Alfredo Pirri (Porto San Giorgio 1943-2015) impegnato nella variegata rappresentazione del…
  • Questo numero di “Accademia Raffaello”, uscito in ritardo, presenta articoli sulla riscoperta della pittura del XIV secolo a Urbino, sull'orazione…
  • Studi pesaresi Questo numero di “Studi Pesaresi” tratta di vari temi: Giovanni Santi e Dieric Bouts: vite parallele, di T. Dominici, La…
  • Nel Medioevo Fermo è stato uno dei centri più rilevanti dell’area medio-adriatica. La città, situata sulla sommità di un colle,…
    Leggi tutto...
  • Il paesaggio degli Arcivescovi Il volume, basandosi su fonti storico-documentarie, delinea un’archeologia del paesaggio del territorio costiero a cavallo tra Marche e Romagna percorso…
  • Originario di Sant'Elpidio a Mare, Massimo Gezzi, poeta e critico letterario, vive a Berna. Il suo ultimo libro di versi,…
    Leggi tutto...
  • Il prestigio oltre la morte Questo studio è dedicato alla necropoli recentemente rinvenuta a Torre di Palme (Comune di Fermo) che tanto interesse ha suscitato…
  • Quaderni del consiglio regionale delle Marche Nel 1960 nasce a Fano ad opera di Valerio Volpini un circolo culturale intitolato a Jacques Maritain e nel 1964…
  • Nativo di Montegiorgio, Giuseppe Vannicola (1876-1915) è stato musicista, traduttore, scrittore, giornalista, poeta, editore, promotore culturale. Ha potuto così sperimentare…
    Leggi tutto...
  • 150 anni di storia nelle Marche
    Leggi tutto...
  • Il volume è il catalogo della mostra, in corso a Firenze, di capolavori d'arte provenienti dai territori marchigiani colpiti dal…
  • Il caso delle Marche, dallo studio al restauro
    Leggi tutto...
  • L’agile volumetto costituisce una guida alla regione storica del Montefeltro al confine tra le Marche e la Romagna attraverso itinerari…
    Leggi tutto...
Vai all'inizio della pagina