Il Fermano e Romolo Murri

La Democrazia cristiana è stata quasi cinquanta anni il partito di maggioranza relativa in Italia ed è presente ancor oggi, talvolta con denominazioni leggermente diverse, in diversi Paesi europei (in Germania è il partito di governo) e sudamericani. 

 

Le origini nel Fermano

Fu un sacerdote marchigiano (nato e formatosi in area fermana), don Romolo Murri, a dar vita, tra fine Ottocento e primi del Novecento, prima a un movimento chiamato Democrazia cristiana e poi a elaborare i principi teorici di un partito politico di ispirazione cattolica nel nostro Paese.

Romolo Murri nacque a Monte San Pietrangeli, a breve distanza da Fermo, nel 1870, figlio di Antonio Murri, un piccolo proprietario terriero, e Maria Avetrani, terzo di sei fratelli. Studente precoce, compì i suoi studi superiori prima nel seminario di Recanati e poi in quello di Fermo (sua diocesi di appartenenza), conseguendo infine la laurea in filosofia nella locale facoltà teologica nel 1888. Avendo vinto un borsa di studio della diocesi, si trasferì a Roma dove studiò all’Università Gregoriana laureandosi in teologia a soli ventidue anni nel 1892. L’anno successivo fu ordinato sacerdote. Volle celebrare la sua prima Messa nella Basilica di Loreto. 

 

La lotta per la Democrazia cristiana

Iscrittosi alla facoltà di Lettere dell’Università di Roma, assisté alle lezioni del filosofo marxista Antonio Labriola, mentre intorno a sé vedeva crescere i consensi delle masse verso il socialismo. Sul versante cattolico trionfava in quegli anni l’intransigentismo dei vertici ecclesiastici, che continuavano a proibire ai credenti la partecipazione alla vita pubblica. Fu questo il contesto in cui Murri concepì l’idea di un movimento che desse ai cattolici la possibilità di far sentire la propria voce nella politica nazionale. 

Già nel 1894 a Roma egli fu tra i promotori della FUCI, che raccoglieva gli studenti universitari di fede cattolica. In questo periodo Murri conobbe ed ospitò per tre mesi nella sua casa romana un altro sacerdote, don Luigi Sturzo, che sarebbe stato in seguito considerato il fondatore del Partito popolare (la futura DC) nel 1919. Tuttavia don Sturzo avrebbe riconosciuto il proprio debito di idee nei suoi confronti dichiarando: “Fu Murri a spingermi verso la Democrazia cristiana”.

Romolo Murri negli anni di fine Ottocento si dedicò a un’intensa opera pubblicistica fondando e dirigendo diverse riviste – “La vita nova”, periodico della FUCI, “Cultura sociale” e “Il domani d’Italia” – mentre conduceva all’interno dell’Opera dei Congressi (l’organizzazione nata dopo la presa di Roma per tutelare i diritti della Chiesa) la sua battaglia per l’ingresso dei cattolici in politica. Dal 1900 egli iniziò a dar vita e a coordinare gruppi di cattolici che avrebbero formato il movimento chiamato Democrazia cristiana. La lotta di Murri contro la dirigenza intransigentista dell’Opera dei Congressi fu assai aspra, tanto che nel 1903 si giunse alla rottura e alle dimissioni del presidente, messo in minoranza dai democratico-cristiani. Se papa Leone XIII, autore dell’enciclica “sociale” Rerum Novarum, aveva tollerato sino ad allora la presenza del movimento di Murri, il suo successore Pio X riprese con forza le tesi intransigentiste e nel 1904 sciolse l’Opera dei Congressi, sfuggita al controllo delle autorità ecclesiastiche. L’anno successivo Romolo Murri ritenne giunto il momento di entrare nell’agone politico e fondò a Bologna la Lega democratica nazionale che propugnava l’autonomia politica dei cattolici, mentre dalle colonne della sua nuova rivista “Cultura sociale” egli caldeggiava un dialogo con i socialisti. I rapporti tra don Murri e la gerarchia ecclesiastica divennero sempre più tesi, tanto che nel 1907 fu sospeso “a divinis” dal vescovo di Fermo mons. Carlo Castelli, secondo la richiesta formulata da Pio X. Murri si ritirò allora presso lo zio parroco a Gualdo in provincia di Macerata portandovi le sue carte. 

Egli tuttavia non rinunciò alla partecipazione alla vita politica, arrivando infine alla rottura irreparabile con la Chiesa quando si candidò alle elezioni del 1909 riuscendo eletto in Parlamento per il collegio elettorale di Montegiorgio con l’appoggio non solo della Lega democratica ma anche di radicali e socialisti. La sua scelta fu sanzionata con la vera e propria scomunica, che gli rese sempre più difficile la partecipazione all’attività anche della stessa Lega democratica da lui fondata, con la quale avrebbe interrotto i rapporti nel 1911. L’anno successivo sposò a Roma con rito civile  Ragnhild Lund, figlia del presidente del Senato norvegese, dalla quale avrebbe avuto un figlio. Ciò gli alienò ancor più le simpatie di tutti gli ambienti cattolici e quando si ripresentò candidato alle elezioni del 1913 non fu più rieletto. Questa mancata rielezione pose fine alla tormentata parabola politica di Romolo Murri, il quale in questo periodo aveva come punto di riferimento una casa attigua a quella dello zio parroco, a Gualdo. 

 

Murri giornalista

Da allora in poi egli si dedicò all’attività giornalistica e pubblicistica, pur continuando a intervenire nel dibattito politico. Allo scoppio della Prima guerra mondiale fu dalla parte degli interventisti. Dopo il conflitto si trasferì definitivamente a Roma. Nel 1919 assistette da osservatore esterno alla fondazione del Partito popolare ad opera del suo amico di un tempo don Luigi Sturzo. Ormai, proprio da quell’anno, l’occupazione prevalente di Murri era quella di giornalista del “Resto del Carlino”, il foglio bolognese di cui fu anche direttore, per due periodi, dell’ufficio romano. Dopo il 1922 si avvicinò gradualmente al fascismo, pur senza mai iscriversi al partito, vedendo in esso una forza rinnovatrice della vita italiana. Dal 1939 iniziò un cammino di riconciliazione con la Chiesa, che gli consentì di ottenere da papa Pio XII la revoca della scomunica nel 1943. Si spense a Roma l’anno successivo. Lasciò dietro di sé un impressionante numero di pubblicazioni: 110 tra volumi e opuscoli, frutto di una vita di lotte ideali e politiche, non immune da errori. 

Nel 1990 è stato fondato a Gualdo il Centro Studi “Romolo Murri”, nella casa appartenuta allo stesso Murri, il quale l’aveva ereditata nel 1917 dallo zio. Dal 1998 il Centro custodisce buona parte della biblioteca personale di Murri, acquistata dai suoi discendenti, insieme a 12.000 documenti. Esso raccoglie tutte le pubblicazioni riguardanti Romolo Murri promuovendo iniziative volte a divulgarne l’opera. La maggior parte della sua sterminata corrispondenza è invece conservata presso l’Università di Urbino, presso la Fondazione Murri.

 

Informazioni aggiuntive

  • citta: FERMO
Devi effettuare il login per inviare commenti

Articoli correlati (da tag)

  • La signoria di Francesco Sforza a Fermo

    Meno conosciuta dell’occupazione delle Marche e della Romagna da parte di Cesare Borgia, la signoria di Francesco Sforza sulla nostra regione, che si colloca tra il 1443 e il 1446 (più di mezzo secolo prima di quella del duca Valentino), ne costituisce in realtà la “prova generale”. Entrambe le dominazioni si realizzarono grazie a un violento attacco da parte di un condottiero esterno alle Marche, ben deciso a costituirvi uno Stato proprio abbattendo tutti i poteri locali, sia comunali che signorili. Le vicende relative alla signoria di Francesco Sforza hanno pertanto un rilievo regionale; tra esse la resa del Girfalco di Fermo, avvenuta nel febbraio 1446, che segnò l’inizio della sua estromissione dalle Marche.

     

    Francesco Sforza e l’occupazione delle Marche

     

    Nato a San Miniato (Pisa) nel 1401, Francesco Sforza era uno dei sette figli illegittimi del celebre capitano di ventura Muzio Attendolo Sforza. Era stato poi riconosciuto dal padre e nobilitato dal re di Napoli Ladislao II. Giovanissimo aveva iniziato la carriera militare nelle milizie del padre, segnalandosi ben presto per l’audacia delle sue imprese. Riconosciutone il valore di soldato, nel 1425 il duca di Milano Filippo Maria Visconti lo ingaggiò come capitano con un contratto quinquennale (alla maniera dei calciatori dei nostri giorni). Francesco Sforza ottenne altre “condotte” (gli ingaggi dei vari potentati) da parte di Firenze, Venezia e altri stati italiani, per poi ritornare ancora al servizio di Filippo Maria Visconti, sposandone nel 1441 l’unica figlia, Bianca Maria. La sua “impresa” marchigiana si definì quando il duca Visconti entrò in conflitto con papa Eugenio IV, che accusò di aver appoggiato, essendo veneziano, la Repubblica di S. Marco, la quale aveva attaccato il suo ducato. 

    In realtà nel 1433 Francesco Sforza si era mosso da Milano per ristabilire i suoi diritti su alcuni feudi nel regno di Napoli. Nel novembre di quell’anno si trovava a Rimini con il fratello Leone e un altro capitano, Lorenzo Attendolo, con migliaia di uomini armati e cavalli. Il passaggio nelle Marche avvenne nel giro di qualche settimana e fu Fano la prima città da lui occupata nel dicembre 1433. In realtà l’occupazione della Marca di Ancona fu agevolata dal fatto che il rettore (governatore della provincia) Giovanni Maria Vitelleschi, nominato da Eugenio IV, avendo riportato sotto il controllo della Chiesa parecchie città con la forza delle armi, si era fatto molti nemici. Lo Sforza si inventò anche un pretesto per legittimare la sua aggressione: quello di difendere i delegati del Concilio di Basilea che erano entrati in conflitto con Eugenio IV. 

    Il 7 dicembre Francesco Sforza era già presso Jesi con tutto il suo esercito. Da qui, con un proclama invitò le città della Marca a ribellarsi al pontefice accettando la sua signoria. In quello stesso giorno Jesi si consegnò allo Sforza con il suo vasto contado. Mentre varie località – Corinaldo, Staffolo, Filottrano, Recanati – gli aprivano le porte, altre opponevano resistenza, ma con queste ultime lo Sforza si dimostrava spietato, in modo da incutere terrore nelle popolazioni.  Il comune di Montolmo, che gli aveva resistito due giorni, forse perché entro le sue mura si era rifugiato il rettore Vitelleschi fuggito da Recanati, fu attaccato il 12 dicembre 1433 dallo Sforza e sottoposto a uno spaventoso saccheggio, che doveva servire da esempio alle altre località della Marca. 

    Caddero perciò in rapida sequenza sotto il dominio di Francesco Sforza Osimo, Offagna, Serra San Quirico, Arcevia, Montelupone, Apiro, Appignano, San Severino, Matelica, Belforte del Chienti, Montegiorgio, Monterubbiano, Castignano, Montemonaco, Montegallo, Penna San Giovanni, Amandola. Più problematica era la conquista dei domini dei Da Varano di Camerino, ma anche in questo caso fu efficace l’intimidazione: Lorenzo Attendolo, luogotenente dello Sforza, costrinse Berardo da Varano ad accordarsi con lui imponendogli la consegna di Treia, Pollenza, Gagliole, Gualdo e Montecosaro, nonché il pagamento dell’enorme cifra di 18.000 ducati. Pure con i Chiavelli di Fabriano lo Sforza raggiunse un accordo, mentre Ancona si dichiarò sua tributaria; Ascoli, ribellatasi più volte, fu brutalmente saccheggiata. Infine anche il Vitelleschi fu catturato e dovette pagare una forte somma per il suo riscatto. La conquista della Marca, dall’Esino al Tronto fu compiuta in poco più di venti giorni. 

     

    Francesco Sforza e Fermo 

     

    Nel gennaio 1434 Francesco Sforza fece il proprio ingresso trionfale a Fermo, una delle città più importanti della provincia adriatica. La grande e munita rocca del Girfalco sul colle Sàbulo, dominante sulla città e sulle campagne circostanti fino al mare, divenne subito una delle sue residenze preferite. Eugenio IV non poté fare altro che accettare lo stato di fatto e in quello stesso anno nominò Francesco Sforza, già da lui scomunicato, marchese della Marca a vita, nonché vicario di Fermo. 

    Subito dopo la sua conquista lo Sforza tentò di costituire nelle Marche un vero e proprio Stato, dominato dalla figura di un principe che stabiliva patti con le varie comunità a lui soggette assicurandosene però la fedeltà attraverso la scelta di podestà spesso ad esse sgraditi. Poiché ben presto Francesco Sforza continuò le sua campagna militare spostandosi in Umbria e in altre regioni, egli affidò l’incarico di rappresentarlo nei centri più importanti a propri fratelli, fratellastri o cugini. In particolare a Fermo fu il fratello Alessandro Sforza a svolgere la funzione di luogotenente. Il governo sforzesco sulla Marca si distinse per la ferrea organizzazione militare, che richiedeva alle varie località il pagamento di gravosi tributi e la consegna di numerosi giovani atti alle armi. Tali imposizioni non potevano trovare il consenso né delle popolazioni né dei ceti dirigenti, che infatti, nel caso di Fermo come di altri centri, alimentarono una sorda opposizione allo Sforza che andò via via crescendo con il passare del tempo. 

    Infine papa Eugenio IV per liberarsi dello Sforza diede vita nel maggio 1442 alla Lega santa, alleanza tra Filippo Maria Visconti, suocero del medesimo diventato suo nemico, e Alfonso V di Aragona, re di Napoli. Dopo lunghe e complesse vicende la Lega prevalse e Alessandro Sforza, si arrese il 4 febbraio abbandonando il Girfalco di Fermo il 20. I cittadini fermani decisero allora di demolire la rocca, simbolo dell’odiosa tirannia degli Sforza, con il consenso delle autorità pontificie. Il ritorno di tutte le Marche sotto la Santa Sede, avvenuto tra la fine del 1446 e l’inizio del 1447, segna un’indiscussa vittoria del Papato. Tuttavia Francesco Sforza, dopo alterne fortune riuscirà a succedere al suocero come duca di Milano nel 1450 mantenendo il potere fino alla morte nel 1466.

     

    a cura di Pier Luigi Cavalieri

Monte San Martino - Saperi e sapori 2018

Cosa Sapere

FERMO

Libri & Cultura

Vai all'inizio della pagina