Roccafluvione


http://www.comuneroccafluvione.it
Piazza Aldo Moro 4 63039 ROCCAFLUVIONE AP
0736.365131
segreteria@comune.roccafluvione.ap.it
Mappa

Terra di tesori nascosti nella fitta vegetazione, fra le nebbie autunnali e i riflessi allegri di torrenti e ruscelli, Roccafluvione si estende per quasi 70 Kmq, offrendo allo sguardo vertiginose escursioni dalle vette oltre i 1000 metri alla vallata a 216 metri slm. Roccafluvione trae il nome dal torrente Fluvione e dagli antichi castelli che insieme a Osoli hanno dato vita al comune: Rocca Reonile e Rocca Casaregnana. Dalle più alte delle 60 frazioni la vista spazia dal mare alle catene dei monti Sibillini, della Laga e del Gran Sasso.

È possibile conoscere il territorio di Roccafluvione, nelle sue particolarità, affrontando i percorsi di interesse naturalistico e storico-architettonico che si snodano fra le sue frazioni. È in questo viaggio che si conosce la natura come imparagonabile architetto. Sull'alto letto del torrente Fluvione, lungo la strada di Casacagnano, si osserva il ponte naturale formato dall'unione di due rocce, e per questo chiamato nativo, che oggi è il simbolo del Comune di Roccafluvione ed è rappresentato nel suo stemma. Più in alto, lontano dal fiume, nei castagneti di Meschia, imponenti massi, scolpiti dal tempo e dalle intemperie, segnano il paesaggio di misteriose suggestioni: l'ignota provenienza ha suggerito per loro l'aggettivo di "erratici".

Proprio a Meschia ha sede l'Aula Verde gestita dall'associazione valorizzazione ambiente montano in collaborazione con la pro loco allo scopo di favorire lo studio dei fenomeni naturali, dell'ambiente, dei prodotti e delle tradizioni. Roccafluvione conta circa 2.300 abitanti che risiedono prevalentemente nel capoluogo Marsia. Numerose sono le attività culturali legate alle tradizioni contadine: le rinomate attrattive gastronomiche, legate alla raccolta di funghi e al mercato del tartufo nero pregiato, consentono di offrire alcuni fra i migliori ristoranti della regione; le ricerche folcloristiche che hanno dato vita al locale gruppo di Canti e Balli popolari; la riscoperta delle tradizioni e dell'artigianato legate a manifestazioni come feste paesane e mostre; la valorizzazione dell'ambiente che ormai da anni vede crescere la Fiera delle piante, momento ricco di iniziative di studio, di mercato e di ricreazione. Non mancano inoltre attività culturali legate alla musica e al teatro. Pur avendo una storia risalente all'epoca preromana, le cui testimonianze sono conservate nel museo archeologico di Ascoli Piceno, Roccafluvione presenta le tipiche caratteristiche urbane della cultura benedettina farfense, che dall'anno 1039 assunse il controllo del territorio.

È ancora visibile la fitta rete di luoghi di culto disseminati sulle alture e nelle vallate, piccoli agglomerati urbani privi di fortificazioni ma costruiti intorno al luogo sacro e sociale di riferimento: la chiesa. Spiccano tra le altre l'abbazia di S. Stefano, nel capoluogo, la cui cripta risale al IX secolo e la chiesa di SS. Ippolito e Cassiano a Pedara, la cui caratteristica torre campanaria con funzione difensiva, munita di feritoie e di un passaggio interno, domina dall'alto il Fluvione. Degne di visita sono anche la chiesa di S. Maria a Scalelle e di S. Maria a corte di Valcinante. Roccafluvione offre ai suoi abitanti e visitatori numerose possibilità per praticare sport, sia all'aperto (ciclismo, mountainbyke, podismo, pesca-sportiva, bouldering, ovvero arrampicata libera sui massi erratici di Meschia) che all'interno delle strutture sportive. Il tutto in un paesaggio che in ogni periodo dell'anno regala colori e profumi indimenticabili.

fonte: www.comuneroccafluvione.it

Eventi Roccafluvione

Cosa Sapere

Cosa Vedere

Libri & Cultura

Vai all'inizio della pagina