Più noto come panetto di fichi, è il dolce tipico di Monsampolo del Tronto.

Perché non festeggiare il Natale con un torrone nostrano: il torrone di fichi?

Il torrone di fichi, più noto come panetto di fichi, è il dolce tipico di Monsampolo.

Un piccolo centro della vallata del Tronto che svetta su un dolce colle, avvolto da mura e torri merlate, mostrando la sua struttura ancora tipicamente feudale.

Da sempre qui, con l’inizio dell’inverno e l’approssimarsi del Natale, si elabora questo dolce con ingredienti poveri delle campagne circostanti.

Il torrone di fichi è costituito da diversi ingredienti: fichi bianchi sbucciati ed essiccati al sole, mandorle tostate, cedro candito, cacao, cannella, vaniglia, buccia di arance candita, essenze varie.

Tutti gli ingredienti vengono amalgamati e sistemati in una piccola forma rettangolare detta “coscena”, qui si lascia asciugare sufficientemente il tutto per poi pressarlo col torchietto e impacchettarlo.

La ricetta sembra avere origini molto antiche.

Il primo riferimento ad un primitivo dolce di fichi si ha in un documento dell’Archivio Storico Comunale del 1571, da cui risulta che un “camerario” comunale paga due bolognini d’argento per l’acquisto di un “pezzo di fichi”.

E’ certo che nel 1700 il panetto di fichi costituiva uno dei dolci tipici della tavola del piccolo centro piceno.

Tutte le famiglie lo confezionavano in casa durante il periodo natalizio tanto da divenire, nel corso dell’ottocento, una delle più fiorenti attività industriali della zona.

Il panetto di fichi veniva venduto in Italia ma anche all’estero. Qui nella zona era ed è tuttora presentato ogni anno durante la Fiera di San Martino a Grottammare, l’ 11 novembre.

Con l’inizio della seconda guerra mondiale vennero a mancare gli ingredienti per la produzione del dolce, questo provocò un lento ed inevitabile declino.

Oggi a Monsampolo sono rimaste solo due famiglie a produrre i prelibati “Torroni di Fichi” che vengono aromatizzati alla cannella, alla vaniglia, al cacao e all’arancia.

 

Mara Militello

Devi effettuare il login per inviare commenti

Altro in questa categoria:

Cosa Sapere

Libri & Cultura

  • del Parco Nazionale dei Monti Sibillini e le farfalle della riserva naturale Abbadia di Fiastra
    Leggi tutto...
  • Giuditta da Morrovalle Metà Ottocento, Morrovalle, paese della Marca pontificia: tra personaggi veri e fatti realmente accaduti, la vita della giovane contadina Giuditta…
  • De Urbini ducibus liber. Quest’opera dell’umanista Pietro Bembo, presente alla corte di Urbino nel primo Cinquecento, si fa portatrice
    Leggi tutto...
  • nel Duomo di Camerino. Ricerche sulla scultura tardo-trecentesca nelle Marche Il libro ricostruisce la storia dell'arca sepolcrale del vescovo Ansovino,…
    Leggi tutto...
  • Gli scrittori di Mario Dondero
    Leggi tutto...
  • viaggio nelle Marche creative under 35
    Leggi tutto...
  • Leggi tutto...
  • L'assedio di Mondolfo e la guerra di Urbino L’assedio di Mondolfo del 1517 fu uno dei fatti militari della guerra per il ducato di Urbino combattuta tra Lorenzo…
  • di Ancona. Luoghi e protagonisti di un'istituzione Il Palazzo del Governo di Ancona, il cui disegno quattrocentesco è stato
    Leggi tutto...
  • Il numero 8 della rivista storica “Marca/Marche” è interamente dedicato al rapporto tra l’importante abbazia di Farfa e il Piceno.…
  • numero 13. Un sensazionale delitto a Porto Civitanova nel 1902
    Leggi tutto...
  • Il Montefeltro e l'Oriente islamico Nell’affascinante mostra in corso a Urbino, preziosi oggetti e arredi di epoca rinascimentale, con particolare attenzione al mondo orientale, rivelano…
  • Questo magnifico volume illustrato ricostruisce la storia e i periodi artistici di Piero Antonelli (Falerone 1916 – ivi 1989), pittore…
  • L'officina navale all'arsenale di Ancona L’autore di questo volume ha inteso “raccontare” l’officina navale dell’Arsenale di Ancona, con i macchinari e i personaggi che vi…
  • I giardini del Duca I duchi di Urbino hanno dimostrato un particolare interesse nei confronti del giardino, luogo fondamentale della vita e dell'estetica della…
  • Ancona 1922-1940 Ercole Sori prosegue la storia contemporanea di Ancona, affrontando il periodo che va dal 1922 al 1940. In questi anni…
  • L’ultimo numero di “Economia Marche” presenta il rapporto sull’imprenditorialità nelle Marche (di D. Iacobucci, A. Micozzi e F. Micozzi) e…
  • Il volume percorre la storia di Ancona dall'età giolittiana all'avvento del fascismo, passando per il trauma della Grande Guerra. In…
  • la difesa del patrimonio artistico delle Marche e dell'Umbria durante la seconda guerra mondiale
    Leggi tutto...
  • Le ricerche promosse negli anni dal “Centro di studi e documentazione dell’Università di Macerata” hanno permesso agli autori di delineare…
Vai all'inizio della pagina