Mostre d'Arte
dal  18 Dicembre 2021
al  31 Marzo
da martedì a giovedì h 10 – 13 da venerdì a domenica e festivi h 10 – 13 / 15.30 – 18.30
Piazza Mosca 29 - Pesaro Pesaro (PU)0721 387541https://www.pesaromusei.it/mostre/pinocchioacquatico-di-luca-caimmi/  pesaro@sistemamuseo.it

Descrizione

In contemporanea alla mostra dedicata a “Rembrandt incisore”, sabato 18 dicembre alle 12 inaugura a Palazzo Mosca – Musei Civici: “Pinocchioacquatico”, la personale dell’artista pesarese Luca Caimmi, con le originalissime tavole tratte dal suo libro Le Avventure di Pinocchio (Edizioni Orecchio Acerbo 2018, postfazione di Antonio Faeti), che sarà visitabile fino al 27 marzo.

Domenica 19 dicembre alle 16.30 appuntamento, inoltre, alla Biblioteca Oliveriana per l’inaugurazione della preziosa appendice intitolata “De Piscibus”, che ospita disegni dell’artista a confronto con antichi trattati di zoologia marina.

Prosegue così l’omaggio all’arte dell’illustrazione con le esposizioni organizzate dal Comune di Pesaro – Assessorato alla Bellezza e Sistema Museo al fine di valorizzare e far conoscere al pubblico i giovani talenti del territorio, creando un dialogo con i maestri dell’arte grafica.

La peculiarità di Caimmi è l’interpretazione del testo classico di Collodi con una visione fortemente legata alla sua terra e al mondo marino.

Ci sono le campagne marchigiane, il litorale Adriatico, la falesia del San Bartolo, la natura della Valle del Foglia e le zone urbanizzate del porto di Pesaro. I personaggi compaiono come pesci antropomorfi e si svelano nel racconto prendendo le sembianze di narvalo, rana pescatrice, sirena, foca ed ecco che l’amato burattino è completamente immerso nell’acqua e nella natura. Lo spiega bene Marco Taddei nel testo introduttivo alla mostra “… se rileggiamo la storia di Pinocchio con il naso regolato sui giusti sentori, ecco che di mostri marini e notti cupe ne spuntano fuori a bizzeffe. Forse Luca Caimmi aveva regolato i suoi sensi proprio su questi umidi parametri quando ha avuto l’illuminazione di creare un Pinocchio subacqueo.”

La storia di monellerie, bugie, paure, imbrogli e fughe ma anche di generosità, affetto e coraggio si impreziosisce attraverso le visionarie illustrazioni ma resta fedele alle avventure collodiane fatte di atmosfere notturne, piovose e insidiose. Così Mangiafuoco, nonostante le pinne, continua a incarnare l’orrore del mondo dei grandi e la fata Turchina, qui una maga-sirena, è sempre il lato buono.

La fonte di ispirazione per le fattezze dei personaggi acquatici si svela a Palazzo Almerici, sede della Biblioteca Oliveriana, dove sono esposti schizzi preparatori per il libro di Pinocchio accanto a disegni dell’illustratore che interpretano il De Piscibus (1613) di Ulisse Aldrovandi e l’Aquatilium animalium historiæ (1554) di Ippolito Salviani, messi a confronto con gli originali e con stampe di illustrazioni di vari trattati storici.

Un’occasione espositiva adatta alle famiglie con bambini e alle scuole ma che invita tutti a coltivare l’immaginazione. Il progetto “Pinocchioacquatico” rientra nella serie di mostre di Luca Caimmi “Libri nello Spazio” (volte alla promozione della lettura, del libro illustrato e delle arti visive in generale) e vi hanno collaborato Pesaro città che legge, Associazione Le voci dei libri, Amici Biblioteca Oliveriana, Associazione Le Foglie D’ Oro, Progetto Adotta l’autore, Orecchio Acerbo Editore.

Luogo

Cosa Sapere

PESARO

Cosa Vedere

PESARO